Month: December 2014

M2Mqtt su una Raspberry Pi con il progetto Mono

Un nuovo use case per la libreria M2Mqtt !! La sezione dei case studies sul sito ufficiale si è arricchita con un altro grande esempio !

Jon Gallant, parte del Microsoft IoT maker team, ha scritto un interessantissimo articolo relativamente alla sua “esperienza da maker” con una demo sull’utilizzo del protocollo MQTT su una Raspberry Pi. Jon ha deciso di non utilizzare le librerie native C/C++ ma il linguaggio C# e quindi la libreria M2Mqtt grazie al progetto Mono !

L’articolo descrive tutti i passi per mettere in piedi l’intera demo dall’hardware fino all’installazione di Mono sulla Raspberry Pi ed all’esecuzione della relativa applicazione.

E’ bello vedere un ulteriore esempio di utilizzo del client M2Mqtt…e questa volta in ambiente Linux !

Advertisements

MQTT OASIS 3.1.1 : supporto ufficiale per M2Mqtt e GnatMQ

oasis_m2mqtt_gnat

Dopo circa un mesetto di lavoro durante il mio tempo libero, è giunto finalmente il momento di rilasciare la nuova versione della libreria M2Mqtt (4.0.0.0) e del corrispondente broker GnatMQ (0.9.3.0 Beta) con il supporto alla specifica MQTT OASIS 3.1.1 (oltre ad una serie di bug fix).

Questa è stata la causa della mia assenza sul blog !

I cambiamenti apportati complessivamente al progetto sono i seguenti :

  • Supporto per entrambe le specifiche, la vecchia 3.1.0 e la nuova OASIS 3.1.1;
  • L’evento MqttMsgDisconnect è esposto solo al broker GnatMQ per poter gestire il messaggio DISCONNECT ricevuto dal client e quindi non è più accessibile dalla classe MqttClient. E’ stato aggiunto il nuovo evento ConnectionClosed che viene sollevato quanto la connessione è chiusa (da uno dei peer). Ovviamente, si tratta di un “breaking change” e ne chiedo scusa …
  • Aggiunta la gestione delle sessioni (con le subscription ed i messaggi in coda con QoS 1 e 2);
  • Il keep alive può essere disabilitato se viene impostato il timeout a zero;
  • Aggiunta la gestione della flag di “session present” nel messaggio di risposta CONNACK con il quale il broker (GnatMQ) avvisa il client che è presente una sua vecchia sessione e che è stata ripristinata (subscription e messaggi in coda);
  • E’ ammesso un client identifier a lunghezza zero. In questo caso il broker (GnatMQ) assegna un client identifier casuale ma è ovvio che non è in grado di gestirne la sessione (il client non è a conoscenza dell’identificativo assegnatogli e non può trasmetterlo al broker in caso di riconnessione);
  • Rimosso il limite di 23 caratteri per il client identifier;
  • E’ possibile impostare la dimensione massima della “inflight queue” in modo che non possano essere inseriti altri messaggi se essa è piena (causa problemi di connessione che non permettono la trasmissione dei pacchetti);
  • Apportati una serie di miglioramenti sul thread di ricezione;
  • Una richiesta di subscription ad un topic può anche essere rifiutata dal broker (GnatMQ) specificando tale errore nel messaggio di SUBACK;

Come sempre ho provveduto ad aggiornare tutti i repositori nei quali potete trovare il mio progetto :

Questo può essere considerato il mio regalo di Natale !

🙂

Node-RED, flow-based programming per l’IoT su HTML.it

node-red-guida

A partire da oggi, su HTML.it, inizia la pubblicazione di una nuova guida che ho scritto molto volentieri, in quanto ritengo l’argomento in oggetto molto importante ed utile nell’ambito dell’Internet of Things : sto parlando di Node-RED !

Nel corso del primo capitolo, viene introdotto il concetto di flow-based programming che rappresenta il paradigma di programmazione su cui si basa Node-RED in modo da poterne capire i concetti fondamentali prima di iniziare ad utilizzarlo praticamente.

Spero mi seguiate numerosi per poter scoprire le potenzialità di questo strumento nell’ambito dell’Internet of Things !

🙂